Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim

Subscribe to our newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam
[contact-form-7 404 "Not Found"]

Avevamo preso un impegno come Magellano nei vostri confronti: quello di far sentire la vostra e la nostra voce contro la chiusura dell’Oftalmico. E così è stato. Ieri una delegazione della Fondazione è stata ricevuta dal presidente della Regione Piemonte in Piazza Castello. Il presidente del Comitato Angelo Burzi ha consegnato le oltre 32mila firme e commenti raccolti in questi giorni attraverso la petizione che avete contribuito a sottoscrivere on-line e questo ha dato la possibilità di aprire un confronto estremamente franco sul futuro del nosocomio di via Juvarra.

Durante l’incontro si sono fronteggiate due antitetiche visioni dell’evoluzione della medicina e della sua organizzazione territoriale: da un lato la nostra, che vede nella centralità degli ospedali specialistici d’eccellenza il fulcro di un sistema sanitario capace di fare formazione, fornire servizi d’altissima qualità e garantire ricchezza attraverso l’attrazione di pazienti da tutto il mondo. Dall’altro lato vi è quella del presidente della Regione, che non vede futuro nell’unitarietà delle funzioni di un ospedale specialistico in quanto superato fondamentalmente dalle nuove tecnologie e dall’esigenza di un dialogo sempre più allargato tra branche della medicina.

È evidente che a seconda del modello che prevarrà sarà diversa la tipologia di offerta sanitaria che vedremo garantita sul territorio piemontese nei prossimi anni. Si tratta di una posta in gioco altissima ed è per tale ragione che abbiamo chiesto e ottenuto dal presidente Chiamparino la disponibilità a partecipare ad un confronto, da organizzare questo autunno, per discutere su questi temi con esperti del settore. Un modo per tracciare le possibili traiettorie della sanità in Piemonte e dove difenderemo la specializzazione di ospedali quali il Regina Margherita, l’Oftalmico e il Cto che per noi restano un fiore all’occhiello per la nostra Regione.

Sperare non costa nulla. Quindi nei prossimi mesi continuiamo a lavorare insieme per garantire le eccellenze delle unità specialistiche presenti in Piemonte.

L'AUTORE DI QUESTO ARTICOLO

Marco Fontana
MARCO FONTANA

Presidente Orizzonte e Futuro

Loading Facebook Comments ...